COME NASCE UN TRAVEL BLOGGER

iventare un travel blogger richiede tempo, impegno, una passione sfrenata per la scrittura e ovviamente tanti viaggi.

nessun commento

Diventare un travel blogger richiede tempo, impegno, una passione sfrenata per la scrittura e ovviamente tanti viaggi, sì proprio così: Viaggi da soli e in compagnia, in luoghi turistici e in mete non battute dal turismo comune, in posti che avremmo voluto visitare e in luoghi che invece non avremmo mai pensato di arrivarci se non fino a quell’istante.

La parola d’ordine quindi è viaggio, intesa come un’esperienza a 360 gradi che coinvolge tutti i sensi: significa entrare in contatto con la cultura, scoprirne i segreti, le abitudini e assaggiare i cibi locali. Essere un travel blogger non è solo una passione ma anche un modo d’essere, un atteggiamento di curiosità, scoperta e una modalità di approccio alla diversità, agli altri.

Si inizia per gioco, si scrivono brevi recensioni di hotel visitati, ci si accorge che forse non ci si deve limitare alla recensione e allora si passa al diario di viaggio dove si annota tutto, idee, sensazioni ed episodi di vita giornaliera vissuta durante il viaggio. Da qui, con tanto impegno e volontà si passa allo step successivo, scrivere degli articoli. Ci vuole costanza e tanta passione nel raccontare le proprie avventure in giro per il mondo. Attenzione raccontare, non ostentare, è sottile il confine tra le due cose.

Una volta partiti con l’idea, occorre metterla in pratica, e per farlo non basta aprire una pagina social, Facebook o Istagram che sia. Vedo tante persone autodefinirsi travel blogger ma che in sostanza si limitano ad una solo presenza social dove condividere e pubblicare foto è diventato di una semplicità unica trasformando una passione in un mero gioco superficiale. Addirittura ultimamente vedo tanti profili pubblicizzare qualsiasi cosa, dal pigiama ultimo grido alla pentola da viaggio, sbagliato!

Come dicevo prima, occorre un blog vero e proprio, aprendo un sito internet e riempirlo con tutto quello che vogliamo condividere con il mondo esterno, tutte le esperienze vissute per il mondo foto comprese. Per far ciò a mio discreto parere ci vuole una buona dimestichezza con programmi grafici che consentano la creazione di uno strumento buono che sia di aiuto e valorizzi il lavoro che produciamo. Uno strumento professionale che ti consente di realizzare dei veri e propri capolavori dove le idee si incontrano con la tecnologia mettendo alla luce così dei progetti che minimamente si possono immaginare.


La strada è lunga, però l’importante è cominciare e dedicarsi al proprio sogno di scrivere e raccontare i propri viaggi, non c’è cosa più bella nel fare questo. 


Non aspettate altro e iniziate, buona strada viaggiatori!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.